Truffe assicurazioni in aumento

di Giuseppe Commenta

Aumentano i casi di truffe ai danni delle assicurazioni e uno degli ultimi è stato segnalato proprio qualche giorno fa. Alcune auto sarebbero state acquistate in leasing, assicurate contro il furto, rubate e poi rivendute nell’Est d’Europa. Le compagnie assicurative hanno segnalato prontamente la questione alla commissione Finanze della Camera che al momento sta pensando alla possibile costituzione di una Agenzia Antifrode che si occupi di tali questioni. Le segnalazioni in questi ultimi tempi sono aumentate notevolmente e il problema delle truffe alle assicurazioni preoccupa abbastanza. L’Adiconsum, associazione dei consumatori, ha risposto così all’emergenza, chiedendo di poter partecipare attivamente all’istituzione di una Agenzia Antifrode. Dopo il caso delle assicurazioni con disdetta che si è verificato principalmente nel sud Italia, è un’iniziativa a tutela degli utenti che ha trovato anche l’appoggio delle varie associazioni dei consumatori.

Le stesse associazioni che da almeno un anno reclamano l’istituzione di una Agenzia che sia in grado di vigilare attentamente anche sul caro-polizze, che si dice siano dovute proprie alle crescenti truffe. Un altro caso grave venuto alla luce in questi giorni è quello avvenuto in Campania, dove per ottenere risarcimenti illeciti dalle compagnie assicurative venivano simulati degli incidenti stradali che in realtà non erano mai avvenuti o con false certificazioni mediche venivano fatti sembrare molto più gravi di ciò che erano realmente stati. Per questi motivi 23 persone sono indagate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere per truffa ai danni di compagnie assicurative. I carabinieri hanno eseguito anche delle perquisizioni a carico degli indagati, in abitazioni private, centri medici convenzionati, studi legali e cancellerie di Giudici di Pace per dimostrare l’esistenza del sistema illecito ipotizzato. Tra i responsabili ci sarebbero anche dei professionisti del campo giuridico. I reati ipotizzati sono vari tra i quali quello di associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata. Solo l’ennesimo caso purtroppo di molti altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>