Detrazione fiscale e deducibilità delle polizze assicurative

 
Giulia Tarroni
11 maggio 2011
2 commenti

assicurazioni rinnovi Detrazione fiscale e deducibilità delle polizze assicurativeOggi ci occupiamo di un argomento che certamente interesserà tutti coloro che detengono o hanno stipulato una polizza assicurativa: la detrazione e deducibilità fiscale del premio assicurativo. Le polizze assicurative detraibili sono le seguenti:

assicurazione sulla vita, sia in caso di morte che di vita;

assicurazione per infortuni e per malattia

assicurazioni che coprono il rischio di non autosufficienza. La detrazione diversa sarà ovviamente differente a seconda del tipo di polizza stipulata: a titolo di mero esempio, le polizze sulla vita caso morte sono completamente detraibili, mentre di contro le polizze sulla vita caso vita sono detraibili solo per la parte relativa al caso morte e invalidità permanente superiore al 5%. Insomma vi è una parte sempre detraibile ed una parte variabile ma solo la tipologia di assicurazione cui si fa riferimento potrà stabilire la percentuale delle due quote.

Per quel che attiene alla deducibilità fiscale delle polizze di assicurazione, sono dedicibili sia le polizze RC auto che le assicurazioni pensionistiche. In tali casi occorre tenere in considerazione che le assicurazioni pensionistiche sono deducibili per un importo massimo di 5.146,57 euro che rappresenta il tetto di deducibilità anche cumulando importi destinati a forme pensionistiche complementari (comunque il bonus fiscale non può superare il 12% del reddito complessivo lordo), mentre le polizze RC auto sono deducibili per il 10,50% del valore della rata, cioè la parte versata al SSN.

I contratti assicurativi aventi un contenuto prettamente finanziario, che quindi non beneficiano di alcuna detrazione o deduzione per i premi corrisposti e il reddito generato dalla differenza tra il versato ed il riscosso, sono da assoggettarsi all’imposta sostitutiva del 12,50%, imposta unica e universale.

Le polizze infortuni invece detraibili solo per la parte di premio relativa ai casi di morte e invalidità permanente superiore al 5%: lo stesso dicasi per le polizze malattia. Tutto ciò si riferisce ovviamente alle polizze stipulate dopo il 2000, per tutte le polizze antecedenti la situazione è differente.

Articoli Correlati
Polizze dormienti: cosa fare per ottenere indietro il denaro

Polizze dormienti: cosa fare per ottenere indietro il denaro

Per tutti coloro che sono titolari di una polizza vita dormiente, prescritta e destinata a confluire nel fondo istituito al ministero dell’Economia, in base alla data di prescrizione, è possibile […]

Polizze-infortuni: a chi si rivolge e cosa copre

Polizze-infortuni: a chi si rivolge e cosa copre

La polizza infortuni è pensata e consigliata non solo per coloro che svolgonoa ttività lavorative pericolose, ma per tutta la famiglia: si riferisce a tutti i danni che l’assicurato subisca […]

Polizze fidejussorie assicurative

Polizze fidejussorie assicurative

Oggi ci occupiamo di una argomento che certamente potrà interessare tutti coloro che si trovano a dover chiedere finanziamenti: si tratta della polizza assicurativa fidejussoria. Le polizze fidejussorie sono garanzie […]

Polizze vita

Polizze vita

Polizze vita. Queste assicurazioni sono strumenti molti importanti nell’ambito della previdenza, in quanto possono ovviare ai problemi relativi alla morte di un membro della famiglia, soprattutto nel caso in cui […]

Paragonare i preventivi delle assicurazioni auto

Paragonare i preventivi delle assicurazioni auto

Assicurazione.it è diverse cose contemporaneamente: – un grande sito sulle assicurazione che conta (sono dati del sito stesso) oltre duecentomila clienti al mese; – un broker assicurativo regolamentato dall’ISVAP (iscritto […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Alessio

    mi collego al commento postato da genertel ………. c’è un riferimento normativo per quanto affermato su ?

    24 gen 2012, 18:10 Rispondi|Quota
    • #2Giulia Tarroni

      La legge finanziaria riconosce la possibilità di detrarre le polizze fino ad un massimo di 1.291,14 € (siano esse via, morte o rc auto) nella misura del 19%. I riferimenti legislativi sulla detraibilità delle polizze assicurative sono i seguenti: articolo 15, comma 1, lettera f del Tuir, decreto ministeriale del 22.12.2000, articolo 15, comma 2 del D.Lgs 18.02.2000 n. 47, circolare ministeriale del 16.06.1997 n. 137. Buona giornata!

      31 gen 2012, 10:16 Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Genertel: polizza Furgoni e Van | Assicurazioni Preventivo