Dalla Tariffa Italia esclusi motorini e scooter

di redazione Commenta

Anche se a pesare maggiormente sul budget di una famiglia ci sono le spese per l’assicurazione auto non è detto che l’assicurazione moto sia meno dispendiosa. Certo è che nel DDL Concorrenza sembra esclusa e fa pensare che sia esclusa anche dalla cosiddetta Tariffa Italia. 

La tariffa unica per lo Stivale è stata pensata per alleggerire le differenze tra le regioni virtuose e le regioni dove mettersi al volante delle due o delle quattro ruote può esporre il guidatore alle truffe o ai pericoli della strada. In teoria si mettono insieme sia le assicurazioni moto che quelle auto ma le prime invece meritano un discorso a parte.

La Tariffa Italia del Ddl Concorrenza promette sconti sulla RC auto fino al 50%, mentre l’assicurazione moto rischia seriamente di restarne fuori. La nuova normativa equipara i costi dell’assicurazione obbligatoria in tutte le regioni italiane, eliminando le diseguaglianze territoriali per i guidatori virtuosi che negli ultimi cinque anni non hanno avuto sinistri e che accettino una serie di condizioni alla stipula del contratto, per esempio:

  • istallazione della scatola nera
  • montaggio del meccanismo che impedisce l’accensione del motore quando il conducente è ubriaco
  • ispezione del veicolo.

In questo modo, proprio con queste condizioni, si escludono le due ruote. Non sono ancora disponibili infatti le scatole nere per le moto o dei dispositivi di alcotest. In più l’ispezione del veicolo risulterebbe oltremodo complicata. Questo vuol dire che le moto, siccome non soddisfano i requisiti obbligatori per usufruire degli sconti, restano fuori dalla politica di riduzione dei prezzi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>